Le tue mani rivelano la tua età?

Pubblicato il 4 giugno 2014 | Categoria: La terza età, Lifestyle

Un corpo tonico, la pelle del viso curata, i capelli sempre a posto talvolta rendono difficile stabilire l’età di una persona, tuttavia vi è una parte del corpo che, più di ogni altra, tende a svelare la nostra vera età: le mani.

Queste, forse più del viso, rappresentano un sincero segnale della vera età. Ad far sì che questa parte del nostro corpo riveli la nostra età è il nostro non prenderci cura di esse, difatti le attenzioni si concentrano sulle unghie e al massimo viene applicata un po’ di crema. Le mani sono sempre in primo piano ed è perciò importante prendersene cura.

Generalmente tendiamo ad occuparci del viso, del corpo, siamo sempre alla ricerca delle ultime tecnologie in grado di trattare i segni del tempo, però, trascuriamo le mani che ci tradisconomostrando la nostra vera età; basti pensare a quanto spesso ci capita di rimanere affascinati dalle dita da pianista, da mani snelle e affusolate, e quante volte siamo rimasti turbati da mani troppo invecchiate rispetto ad altre zone come il viso. Se ci pensiamo bene, la cosa non deve stupire le mani sono utilizzate, bistrattate, entrano in contatto con tutto come ad esempio detergenti, sostanze aggressive utilizzate per pulire e disinfettare la casa, chimici di ogni tipo, agenti ecologici quali luce, sole, freddo, ma nonostante ciò raramente sono protette e curate in modo adeguato.

Inoltre le mani, proprio perché costantemente esposte ai raggi ultravioletti lunghi, che stimolano la melanogenesi, cioè la produzione di pigmento scuro, e presenti non solo nel sole estivo, ma nella luce lungo tutto l’arco dell’anno, anche nei mesi invernali, possono coprirsi di macchie scure; queste macchie sono le cosiddette lentigo solari (o senili). Un altro fattore che aumenta l’invecchiamento delle nostre mani sono i saponi liquidi utilizzati per lavarli, infatti mentre il viso viene pulito e lavato con detergenti delicati, mai aggressivi, le mani vengono lavate con saponi liquidi che spesso sono pari in aggressività a quelli utilizzati per sgrassare i piatti.

Le articolazioni delle mani, col trascorrere del tempo, sono facilmente soggette a degenerazione artrosica favorendo la formazione di antiestetiche deformità. Non deve pertanto stupire che la pelle delle mani invecchi precocemente. Per poter capire quanto è invecchiata la pelle delle nostre mani basta fare la prova-elasticità: si prende tra l’indice e il pollice una plica cutanea del dorso della mano, poi la si lascia. Più tempo impiega a ritornare in posizione originaria, più la pelle è vecchia; nel bambino questo tempo è nell’ordine dei millisecondi, nell’anziano anche decine di secondi. L’invecchiamento della pelle collocata sulle mani avviene in quanto questa è sottilissima e priva di grasso, per questo, con il trascorrere degli anni, tende a mostrarsi più secca e segnata. Comunque sia le mani si possono ringiovanire, sia con azioni di prevenzione, sia con trattamenti mirati.

Come fare per proteggere la pelle delle mani ed evitarne l’invecchiamento?

Le mani, dicevamo, sono continuamente sotto stress. Anzitutto perché vengono lavate con prodotti aggressivi, basti pensare che molti saponi schiumogeni impoveriscono il film idrolipidico. Quindi per la nostra igiene è meglio utilizzare gel o cosiddetti saponi-non saponi, che detergono ma rispettano il film idrolipidico. Inoltre, per proteggere la pelle delle nostre mani che è estremamente delicata, è preferibile che durante i lavori domestici, vengano indossati i guanti. In ultimo non vanno dimenticati i prodotti cosmetici.

La pelle del dorso delle mani è esposta all’azione dei raggi ultravioletti e tende a coprirsi di macchie scure che conferiscono un aspetto “anziano”. Perciò è importante proteggere la pelle con un prodotto solare, soprattutto in estate. Nei mesi invernali invece, in particolar modo nei casi in cui non si usano i guanti, è bene applicare una crema nutriente. Le migliori sono quelle contenenti glicerina, burro di karitè e olio di mandorle o jojoba. Esistono anche prodotti con vitamina A, C ed E che svolgono un effetto schiarente. Un trattamento molto efficace prevede che dopo avere steso la crema, si indossino un paio di guanti in cotone che vanno tenuti tutta la notte: al mattino l’epidermide sarà morbida ed idratata. Altro rimedio utilissimo atto a rendere le mani lisce, morbide e pulite, è il limone. Si tratta di un rimedio naturale per togliere gli odori, cancellare le macchie provocate dalle sigarette, per chi è fumatrice accanita, rinforza le unghie e disinfetta le piccole ferite.

Non si deve fare altro che tagliare il frutto a metà e passarlo su tutte le mani. Basterà questo per renderle morbidissime. Se le mani sono arrossate, per alleviare l’irritazione si può fare un impacco efficace. Bastano una patata e dell’olio di oliva. È necessario bollire la patata, schiacciarla e aggiungere un cucchiaio di olio di oliva. Applicare il composto sulle mani, far riposare per quindici minuti e risciacquare. Un’ottima cura per ringiovanire le mani è quella di fare ginnastica con le mani, muovendo per esempio un pallino (o un arancio o un limone) per tenere le articolazioni mobili. Come nutriente  e ringiovanente mani, è preferibile utilizzare prodotti a base di retinoidi e altri antiossidanti.

Per schiarire le macchie, esistono prodotti cosmeceutici a base di vitamina A e altri retinoidi, acido azelaico e derivati, vitamina E e tocotrienoli, alfaidrossiacidi. In tal caso sono ottimi anche i cosmetici a base di arbutina, acido fitico, estratto di uva ursina, vitamina C. Esistono poi creme per le maniche contengono principi attivi ringiovanenti e schiarenti, uniti a derivati naturali che calmano il dolore e l’infiammazione delle giunture. È molto utile effettuare degli scrub un paio di volte a settimana, ricordandosi poi di idratare molto la pelle. Con questo semplice gesto la pelle delle nostre mani risulterà essere morbida e luminosa, infatti questa operazione esfoliante, elimina le cellule morte. Oltre ai rimedi “naturali” è possibile anche ricorrere a tecniche prettamente mediche. Infatti è possibile sottoporsi a peeling ringiovanenti e schiarenti, a infiltrazione di sostanze rivitalizzanti (acido ialuronico); per togliere definitivamente le chiazze scure, specie nel caso siano di dimensioni cospicue e ben delimitate, si può ricorrere al laser, alla diatermo-coagulazione, o alla crioterapia con azoto liquido, alla radiofrequenza iperpulsata o alla luce pulsata.