Come prenderti cura delle tue cuticole

Pubblicato il 4 giugno 2014 | Categoria: Make-up, Trattamenti di bellezza

Avere le mani sempre perfette e curate è il desiderio di tante donne e anche di alcuni uomini, ma nella maggior parte dei casi non è sempre possibile recarsi dall’estetista per la manicure e molte non sono capaci a prendersi cura da sole delle proprie mani e delle unghie. L’errore più comune nella cura delle unghie riguarda le cuticole, meglio note come pellicine: a volte capita di strapparle via, le tagliamo male, le mordiamo e in questi casi diventa infiammata, arrossata e dolente.

La pelle sottostante si decolora e l’unghia diventa ondulata e storta. Le cuticole, dunque, sono un problema ben noto per molte di voi. Più specificamente queste sono dei sottili ispessimenti della cute sulla radice dell’unghia, insomma sono le nemiche numero uno di una bella mano, difatti avere delle belle mani non significa solo unghie lunghe e colorate. La bellezza delle nostre mani dipende soprattutto dalla cura che ne abbiamo, è questo che le rende sane e ordinate perciò per iniziare a prendersene cura bisogna partire dalle cuticole.

Ma sappiamo realmente cosa sono e che funzionalità hanno le nostre cuticole?

In realtà le cuticole non sono semplicemente un qualcosa di antiestetico, poiché svolgono un’importante funzione. La funzione delle cuticole è quella di proteggere la base dell’unghia dai batteri. Proprio per questo motivo le cuticole non dovrebbero mai essere tagliate, ma semplicemente spinte con il bastoncino d’arancio. Difatti la pelle intorno alle unghie è molto delicata e serve per creare una barriera protettiva e metterle a riparo da batteri, agenti esterni e impurità che possono penetrare all’interno della superficie e creare infezioni e altri fastidi. Se questa zona è secca si possono creare sollevamenti ed è proprio così che nascono le cosiddette ” pellicine secche”. A volte capita anche che le cuticole crescano alla base della superficie ungueale facendo durare meno lo smalto. Alla luce di tutto ciò è bene prendersi cura delle fastidiose pellicine.

Come fare per prendersi cura delle cuticole?

Per proteggerle come prima cosa dobbiamo idratarle quotidianamente con un po’ d’olio d’oliva, soprattutto nel caso in cui fossero secche e con la tendenza al sollevamento. L’olio di oliva usato come impacco aiuta la cura delle cuticole ruvide in virtù delle sue proprietà nutritive ed emollienti. In tal caso è possibile fare un impacco con l’olio d’oliva, tenendo però a bagno non solo le unghie ma tutte le mani, in modo che anche la pelle possa beneficiare della carezza dell’olio d’oliva. Una volta ammorbidite, le cuticole saranno più facili da togliere senza provocare danni. Ma questo non è l’unico rimedio per prendersi cura delle fastidiose cuticole, dunque vediamo cos’altro fare per averle sempre perfette e ovviamente curate.

Un ulteriore metodo utilizzato, ed anche molto efficace, è quello di immergere le nostre dita in acqua tiepida, ma per ammorbidire al meglio le nostre cuticole e poterle poi modellare e sistemare è aggiungere all’acqua un cucchiaino d’olio di mandorle e il succo di mezzo limone. Il succo del limone è sicuramente il rimedio naturale più noto e in assoluto nonché il più efficace per le unghie, in tutte le condizioni. Infatti, se l’unghia è ingiallita, il succo di limone la schiarisce, se è già chiara la lucida. L’ideale è tenere le unghie a bagno nel limone per un minimo di cinque minuti, aggiungendo se volete un pizzico di bicarbonato per sbiancarle ulteriormente. Un’alternativa più veloce è strofinare il succo di limone direttamente sull’unghia, con l’aiuto di un dischetto di cotone idrofilo. Dopo il trattamento sciacquate bene le mani con acqua tiepida e terminate con un getto di acqua fredda rivitalizzante.

Altri rimedi naturali sono l’olio di jojoba, la vitamina E, la lavanda e l’incenso ,che aiutano a curare le cuticole sfilacciate, da applicare la sera e massaggiare. Il burro di cacao e la cera di api agiscono in profondità e idratano cuticole molto rovinate. L’olio di sandalo idrata le cuticole secche. Anche il bicarbonato è utile, difatti per quanto riguarda le unghie, le schiarisce e, con l’utilizzo costante, aiuta a recuperare il bianco naturale dell’unghia. Per quanto riguarda le cuticole, le mantiene non solo pulite ma anche disinfettate, allontanando così il rischio di infezioni. Il latte è un altro ottimo alleato della cura delle nostre cuticole e le unghie. Il latte infatti ammorbidisce e schiarisce le unghie. In tal caso è necessario versare il latte in una ciotolina e tenete le mani a bagno per una decina di minuti. Il risultato saranno delle unghie schiarite e delle cuticole ammorbidite. Le applicazioni di tali rimedi vanno effettuate ogni sera.

Come eliminare le cuticole delle unghie?

Sbarazzarsi delle pellicine è semplice, bastano poche semplici mosse. Innanzitutto, per eliminare le cuticole, è necessario rimuovere lo smalto vecchio, successivamente è bene mettere in pratica uno dei rimedi naturali di cui si è discusso ampiamente sopra. Il rimedio più comune è quello di lasciare a bagno in acqua calda le punta delle dita per cinque minuti, aggiungendo olio di mandorle e succo di limone nell’acqua. Dopo questo passaggio è possibile, oltre alla rimozione in caso di necessità evidente, modellare le cuticole con appositi bastoncini facilmente reperibili in qualsiasi negozio di cura della persona. Per modellare le pellicine bisogna spingerle verso la mano con un bastoncino di legno d’arancio. Altro metodo per rimuovere le cuticole è il seguente: anche in questo caso bisogna togliere bene lo smalto vecchio. Dopo aver fatto ciò è necessario stendere sulle cuticole una crema (va bene quella per le mani) o dell’olio (ne vendono di appositi) quindi con un bastoncino di legno d’arancio, preferibilmente avvolto in un batuffolo di cotone, bisogna spingere verso la mano la cuticola. A questo punto si prepara una ciotola di acqua tiepida con un cucchiaio di olio e mezzo limone e vi si immergono solo le punte delle dita. A questo punto l’unghia deve essere sgrassata dall’olio con un pennellino a setole corte. Così facendo le unghie risulteranno essere ammorbidite e lucidate per essere facilmente limate (preferibilmente con lime di cartone) con movimenti orizzontali. Finalmente si applicano due mani smalto protettivo (rinforzante o nutriente) e due mani di smalto colorato.

Qualora le unghie siano particolarmente fragili è consigliabile evitare di stressarle ulteriormente limitandosi allo smalto protettivo per qualche settimana. A dare un prezioso consiglio in caso di unghie fragili è la Dr.ssa Valentina Fratoni, nutrizionista, che dice “Spesso le unghie fragili sono dovute ad una carenza di sostanze specifiche quali la vitamina A e il calcio, che rende le nostre unghie fragili e secche, ma anche ferro e zolfo. La comparsa di macchioline bianche e di macchioline scure indica la carenza di vitamina B6 e di vitamina B12. La presenza di linee verticali, invece, indica una carenza o un’insufficienza di ferro. Il consiglio sarebbe di assumere un ottimo integratore vitaminico, sotto consiglio del tuo medico curante”.